Analisi semi-seria della situazione attuale

Siamo alla frutta. L’intero paese è alla frutta. Faccio parte di una generazione che, a conti fatti, non ha più un futuro.

La nostra intera classe dirigente ormai incarna i peggiori stereotipi dell’essere italiano, sono immarsi nel lusso, proiettati in una realtà ovattata che si sono costruiti da soli per schermarli dal mondo e fargli credere che tutto vada bene. Pensateci. Come può un uomo che lavora in un palazzo del 1700 arredato in modo a dir poco sfarzoso, un uomo che quando si sposta in macchina non sa cosa sia il traffico, i centri delle città chiusi, la penuria di parcheggi, come può qualcuno che non ha problemi economici capire l’immane difficoltà di un capo famiglia che deve mantenere quattro-cinque persone ? Come può qualcuno che è circondato da servitori ossequianti capire quando una sua decisione è sbagliata se tutti intorno a lui devono alla sua accettazione ?

Tutto questo per arrivare al vero punto della situazione: IO SONO INORRIDITO DALLA SITUAZIONE ITALIANA. Qui ci si scandalizza tanto per la pressione fiscale ( che pure ci stritola ) ma ben più grave è l’uso che se ne fa dei nostri soldi. Io ero uno di quelli che la pensava come Padoa-Schioppa ( pace all’anima sua ): E’ bello pagare le tasse. In un paese moderno le tasse forniscono servizi, consentono equilibrio sociale, aiutano un popolo a crescere coeso. In Italia danno da mangiare ad una banda di bastardi che prosperano come sanguisighe alle nostre spalle. TUTTI, nessuno escluso. Il gran capo dei ladri, il vecchio bavoso e repellente che ci governa ormai incontrastato porta la bandiera, nonostante i soldi gli escano dal buco del culo continua a ladrare sulle tasse ( vedi sgravi fiscali concessi alle sue aziende, vedi i fondi neri all-iberian ) e a pagare con soldi nostri i suoi disgustosi vizi. BASTA, anche a parlarne, per carità, se no mi parte un embolo. Fino qui la parte “seria”, la parte “semi”, invece, è costituita dal fatto che mi viende da ridere pensando che… no, proprio non ce la faccio, non c’è nulla da ridere. Forse il “semi” deriva solo dal fatto che ormai di “serio” qui non c’è proprio più niente.

Questo pezzo è solo perchè, ancora una volta, mi sento come Don Chisciotte, intraprendo l’ennesima battaglia contro i mulini a vento. ALLA PUGNAAAAAA !!!!!!