Vendetta #0

Nella vita succedono tante cose. Dalle più piccole ed insignificanti alle più gravi sciagure o alle più grandi gioie. Io credo nella legge del Karma, quindi ogni volte che mi accade qualcosa, sia bella che brutta, cerco di ricordarmi quale azione può averla generata. So che non funziona proprio così, però, dovendo dare un nome a questa cosa, credo che Karma sia il più adatto. Fatta questa prefazione mi chiedo perchè ho dentro questa sensazione fortissima di non meritare la mia vita. Non nel senso di meritare di morire, no. Nel senso che sento che ciò che mi succede non è meritato, sia nel bene che nel male. Mi sento come se vivessi la vita di un altro. Conosco tantissime persone che dicono che accetterebbero una vita come la mia senza battere ciglio: “Lavoro, casa, divertimenti… tutto sommato non ti manca niente”. Ecco, in effetti io credi di vivere la vita di una di quelle persone. Io non sono capace di accontentarmi. Forse per via della mia insaziabile curiosità, della voglia di conoscenza che mi sono sempre portato dentro. Sono sempre portato ad interrogarmi e ad interrogare, a conoscere ed accumulare nozioni, cultura, anche fatti, qualsiasi cosa faccia parte di questo mondo. Tante volte mi sono detto che, se non avessi un cervello, vivrei molto meglio, riuscirei ad accontentarmi, a godere di ciò che ho e di ciò che mi circonda come fanno tanti altri. Oddio, non sono Einstein, questo lo so, però credo che, bene o male, il mio cervello funzioni. E così mi chiedo, gente come il Dalai Lama, i premi nobel, gli ingegneri che progettano il nostro mondo, come fanno a vivere? se io ho questi pensieri, figuriamoci loro (gente come Bush, Berlusconi e i leghisti, invece, lo capisco benissimo come fanno). Alla fine il punto di tutto il discorso e: Per come la vedo io c’è ben poco che funzioni in questo mondo e allora, forse, la soluzione migliore è quella di buttare tutto giù e ricostruirlo da capo. Però siccome io mi ritengo parte del sistema che questo mondo l’ha creato e lo porta avanti, non posso essere la soluzione. Per cui cercherò di diventare il minuscolo ingranaggio che, bloccandosi, faccia fondere tutta la macchina. Mi piacerebbe diventare l’artefice del caos da cui poi persone molto migliori di me costruiranno un mondo nuovo.

Pubblicato
Categorie: Vendetta

Lascia un commento