Augurio di buona Fortuna

Tarantella della buona ventura

(Ispirata Da Fabrizio De Andrè)

Nasce N’ammore, Nasce Nu Figghje

Figghje D’u Sole, Figghje D’a Luna

Nasce Nu Core Sop’ A Stu Munne

Ca ‘Nge Porte La Bbona Fertune

Jesse Na Voce, Jesse Nu Chiande

Tutte La Notte La Stessa Canzone

Durme Figgje, Durme Ammore

Ca Se No Vene U Mammone!
(Ritornello 1)

Da ‘Mpitte Mi Jà Levà

Tutte Le Cose Che Ti Ja Dà

Pe Fatte Addevendà

U Chiù Bedde Figgje Ca ‘Nge Stà
Aggire La Carte, Aggire La Rote,

Aggire U Sole Sop’a Stà Terre

Scecame U Gatte, Cande U Galle

(Gardidde*)

Chessa Notte M’à Date Na Stelle

Nasce Un Fiore Jind’a Stu Core,

Sule A Te U Vogghie Dà

Si Chiù Bedda De Na Rose

Tu Che Mé T’à Da Spesà.
(Ritornello 2)

Sule Pe Té Ja Fadegà

Tutte La Vite ‘Nzime Am’à Stà

De Stu Castijdde De Cartone

Tu À Da Jesse La Patrone

De Stu Castijdde, Ji E Té

Siime La Reggine E U Ré
Cange Chelore, Cange Vestite

Cange La Luna Voltabannera

Dop’u Frijdde De Stu Vijrne

Vene U Sole A Primavera

Tutte L’acqua Ca Non Cade,

Jé Secure Com’a La Morte,

Chedde ‘Ngijle Se Ne Stà

E Vene Quanne Chiame La Sorte!

(Ritornello 1 E 2)

Magari questa canzone non sarà molto in tema con il resto del blog però oggi mi sento allegro e ho deciso di postarla. La canzone è dei Folkabbestia, un gruppo di Bari di cui conosco qualche componente. Per la verità non sò se l’hanno scritta loro o se è di qualcun’altro, i credits si limitano a dire che è ispirata a De Andrè. Durante i live di questo gruppo si balla moltissimo e ci si scatena da matti, per questo li vediamo ogni volta che è possibile. Sono fantastici e hanno il potere di farti dimenticare tutti i problemi che ti assillano. Ci vorrebbe adesso un concerto da queste parti ma, purtroppo, credo non ne facciano per il momento quindi mi limito a sentire la canzone allo stereo e a postarne il testo per farne partecipi anche coloro che leggono questo blog. Di solito la canzone è introdotta così dal cantante:

” I Folkabbestia, invitati ad una festa, portano il vino buono, il cuggino ( scritto con due g per meglio rendere la pronuncia ) ma soprattutto…. la tarantella! “

Frivolezze a parte ho sempre considerato poesia pura questo testo perchè, nonostante il fatto che sia presentato come qualcosa di scherzoso, rappresenta una dichiarazione d’amore, in cui un uomo, nonostante povero e nullatenente ( condizione assai diffusa dalle nostre parti almento ai tempi in cui questa canzone si riferisce ) si impegna a donare amore e sostentamento alla donna che ama. Non per ultima cosa, come lascia presagire il titolo, dovrebbe essere un viatico per la buona sorte, per cui io la dedico a tutti coloro che sentono di averne bisogno, con i miei migliori auguri.

Pubblicato
Categorie: Musica

Lascia un commento