Halloween

Domani si festeggia Halloween, devo dire che la festa, così come ce la vendono i media, all’americana, non mi piace più di tanto ma la festeggio per due motivi. Il primo è che è una festa di origine celtica:

Nella dimensione circolare del tempo seguita dai celti, Samhain si trovava in un punto fuori dalla dimensione temporale, che non apparteneva né all’anno vecchio e neppure al nuovo: in questo momento il velo che divideva dalla terra dei morti (Tir na n’Og) si assottigliava ed i vivi potevano accedervi.
I celti non temevano i propri morti e lasciavano per loro del cibo sulla tavola in segno di accoglienza per quanti facessero visita ai vivi.
Fonte: Wikipedia

Il secondo motivo è il film “Il Corvo”: Eravamo ragazzini quando lo abbiamo visto e ci siamo un po’ fatti prendere, da allora la notte di halloween è all’insegna del “Fuoco e Fiamme”. Di solito andiamo in giro a bere come i pazzi e a fare casino. Non raramente abbiamo finito la festa in ospedale. Di solito ci troviamo tutti in un pub irlandese dove, per l’occasione, suona un gruppo folk ( sempre lo stesso da anni, si esibisce solo in quel locale ad halloween e a San Patrizio ) e giù di guinness e di balli scatenati. Quando arrivano i carabinieri a far tacere la musica ci si disperde e allora iniziano i guai. Più di una volta siamo dovuti scappare davanti alle guardie. In generale è una bella serata per sentirsi vivi, sarà la vicinanza con il mondo dei morti, sarà che si respira un’aria magica, mi piace andare in giro la nottre di halloween, in barba ai parrucconi che “non la festeggio perchè è la solita festa impostaci dagli americani” (anche se in effetti un po’ è così, ma chissenefregaaaaaa )

Lascia un commento