Serata Introspettiva

Come è difficile fare la cosa giusta. A volte ci si trova davanti a scelte difficili, non tanto per le scelte in se, ma quanto per il fatto che è difficile mantenere le scelte fatte. Razionalmente si sà perfettamente che è la scelta giusta ma emotivamente si vorrebbe fare tutt’altro. Quando ciò avviene, di solito, mi capita di vacillare. Tutto in me vacilla, sicurezza, autostima, allegria, energia e socialità. Stasera c’è l’eclissi di luna, sarà mica questo il motivo? fatto sta che mi sento così: vacillante, in cerca di conferme, anche un po’ bisognoso di tenerezza  solo che mi toccherà resistere, non avrò niente di tutto ciò stasera. Non ne morirò, per carità, ma se potessi evitarlo lo farei volentieri.

In serate così l’unica cosa che può sollevare l’umore di un uomo è qualcosa che appaghi lo spirito…. tre peroni grandi . Ho recuperato una copia di “Mio Cognato” di Rubini, non l’avevo ancora visto, ma, essendo ambientato a bari, ho sempre avuto voglia di vederlo…. non l’avessi mai fatto, il finale più triste dell’universo. Film bellissimo ma per serate con altro genere di umore.

Finisce il film. Ho l’amaro in bocca, salgo sul terrazzo di casa e guardo la luna, sta lentamente scomparendo, mi sento un po’ così anche io. Accendo il pc, mi va di ascoltare un po’ di musica…..

Sai, chello ca me fa cchiu’ male
e’ ‘o fattto ca pensanno
“ajere nun ce stevo”
forse e’ meglio ridere ca muri’

Rire! Ca ll’onna ‘nfonne ancora
‘a rena d’ ‘a bellezza
e se nun chiagne (tu) ridi a tomita’
che’ se si bella, ..’o core nun t’ ‘o dice


(24 grana – Kanzone Anarkika)

….24 Grana, K album, altro errore, non si può ascoltare in queste condizioni. Musica bellissima, in grado di far viaggiare la mente, di cullarmi con note suadenti, ma ora la mia mente non deve viaggiare, già è attirata irresistibilmente verso una certa persona. Meglio che se ne stia qui con me.

..quello che sento e non dico
e’ limpido come l’acqua
lascia il rimorso ferito
bruciandone la bocca
forse cercando quel senso perduto, sciacqua..
E quello che vuoi non finisce…mai…
E quello che vuoi non finisce…mai…

(24 grana – Kanzone del Pisello)

Già… ormai è fatta, PARANOIA !!!!! Vabbè, devo fare qualcosa.  Non mi faccio prendere dal vortice, oggi so di non averne motivo. Chiudo gli occhi, penso, visualizzo, dio se è bella…. chissà dov’è ora? All’improvviso un sorriso fà la sua comparsa sulle mie labbra, aver fatto la cosa giusta può essere doloroso ma è anche molto gratificante e la gratificazione dà forza. Incredibile… è la mia massima debolezza e la mia somma forza. Serate come questa sono un terremoto nell’anima, scuotono tutto, sono brevi e, spesso, lasciano solo un po’ di spavento dietro. Nel mio caso è già passata, anche questa volta ho vinto io…. ora si che posso ascoltare i 24 grana

Comme si bella cu ll’uocchie r”o mare
ll’uocchie s’affonnano a vote into ‘e mie
cchiù passa ‘o tiemp e cchiù veco luntano
saccio ca è ‘o vero e nun dico bucie

Chell che sente nun tene cchiù nomme
chell che cerco e che trovo cu te
non va fujenno cò mare cò l’onne
vene s’appiccia e se ferma cu mme

‘O scuro nun me fido ‘e sta
passanno vienem ‘a piglià
‘O scuro nun me firo ‘e sta
passanno vienem ‘a piglià

(24 grana – Kevlar)


Sarà che l’eclissi mi ha fatto uno strano effetto ?

Pubblicato
Categorie: Vita

Lascia un commento